Onde che trasmettono stupore



La costa del territorio capaccese è molto apprezzata per la sua vicinanza al Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano, patrimonio dell’Unesco. A ridosso delle cristalline acque cilentane e delle larghe spiagge di sabbia fine si trova una particolare concentrazione di ecosistemi mediterranei, specie animali e piante uniche per il loro stato di conservazione, insenature e grotte marine che si alternano ad alti piani aridi e a montagne dalla vegetazione fitta, ricca di alberi da frutto. E sono diverse le attività sportive, le feste ispirate all’antica tradizione cilentana, gli eventi di carattere culturale che per larga parte dell’anno vengono organizzate in questi territori in cui i segni di una civiltà millenaria sembrano rigenerarsi, per ogni anno che passa, dando vita a una sorprendente modernità.

Durante la stagione estiva le spiagge poi si trasformano in un vero luogo di aggregazione, dalla mattina fino a tarda notte non c’è un attimo di pausa per coloro che vogliono divertirsi. Dopo le attività sportive e ricreative del giorno, le stazioni balneari si trasformano in raffinati ristoranti, locali dove ascoltare musica dal vivo e discoteche animate fino all’alba. Insomma, non c’è davvero motivo per andare a dormire, né per restare lontani dal mare.