Nella terra degli Dei, ogni prodotto è un richiamo all’eccellenza



Il territorio di Capaccio-Paestum si estende su una superficie di quasi 120  km², dove le grandi campagne della Piana del Sele si alternano ai numerosi agglomerati urbani - diversi tra loro per architetture e attività produttive.    

Caratteristica principale del territorio capaccese è la sua particolare dislocazione dei centri abitati, quartieri dalle forti identità dove non solo è rintracciabile una diversità di paesaggio
e quindi di colori, di profumi e diverse tradizioni, ma per i quali si potrebbe tracciare una sorta
di mappa particolareggiata all’interno della quale dividere l’intera area geografica
di Capaccio-Paestum in diversi sottoinsiemi, specialmente rurali, ognuno con una propria tradizione. All’interno di questa enorme area rurale, caratterizzata da un microclima molto particolare, si sono sviluppate nel corso degli anni svariate attività produttive e commerciali: aziende casearie, vinicole e di produzione agricola, vivai e centri di trasformazione alimentare, e ognuna di queste aziende ha saputo investire forza lavoro, conoscenze e capitali, in base alle risorse particolareggiate che una determinata zona del territorio capaccese poteva offrire loro. 

Le contrade situate intorno all’antica città di Paestum, sviluppatesi verso il centro della Piana del Sele: Capaccio Scalo, Borgonuovo, Cafasso, si differenziano per una cospicua presenza di aziende dedite alla produzione casearia, altre contrade rurali come quelle di Spinazzo e Ponte Barizzo, sono di fondamentale importanza per le loro imprese agricole, dedite soprattutto alla coltivazione di verdure, ortaggi e legumi.